Music

Note d’amore: Musica drammatica

Note d’amore: Musica drammatica

La Frances G. Spencer Collection of American Sheet Music contiene un certo numero di pezzi caratterizzati come “musica drammatica”. Questi pezzi, scritti per opere leggere (o opere comiche) e musical, spesso trattano il tema dell’amore. La natura teatrale di questa musica si presta bene ad esplorare la varietà di forme che l’amore può assumere, da un attaccamento romantico ad un’altra persona, all’idolatria di un oggetto inanimato. Riconosce anche la gamma di emozioni che l’amore può suscitare.

“Cos’è l’amore?
È la gioia?
O una forma di tristezza?
O un segno di follia?
Se ci incontrassimo faccia a faccia
mi spaventerebbe?
Per favore illuminami, cos’è l’amore?”

“What Is Love” | Articolo per gentile concessione della Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | Vedi articolo completo qui.

Irving Berlin ha affrontato il concetto di amore nella sua canzone del 1914 “What is Love” dal musical Watch Your Step. Berlin ha riflettuto sui possibili esiti dell’amore, e le risposte possono essere trovate in tutta la collezione di spartiti.

“The Call of Love” | Articolo per gentile concessione della Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | Vedi articolo completo qui.

“The Call of Love” di Harold Orlob dal musical The Red Canary descrive la sensazione dell’irresistibile attrazione dell’amore. “Senti che ti chiama dolcemente e a bassa voce/ Senti che il suo incantesimo comincia a crescere/ Sei impotente a resistergli/ Ti chiama e devi andare.” Continua ad affrontare l’universalità dell’amore con: “Ci afferra tutti/ Sia i grandi che i piccoli/ È il richiamo dell’amore.”

“Dreamy Eyes” | Articolo per gentile concessione della Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | Vedi articolo completo qui.

La forma più comune di amore rappresentata nella collezione è lo struggimento romantico. Dreamy Eyes dal musical The Runaways parla di questo con il testo “‘Tis of you I’m always thinking, Dreamy Eyes.”

“Beautiful, Beautiful Bed” | Item courtesy the Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | See full item here.

L’amore non deve essere limitato agli esseri viventi, come dimostra questa canzone dal musical Nobody Home. Esprime un profondo affetto per la sicurezza del proprio letto ed esorta gli ascoltatori a non lasciarlo. Un inno per il lunedì mattina: “Sii sempre gentile con lui/ Dagli tutta la tua mente…’Round the world carry it!/ Worship it!/ Marry it!/ Beautiful, beautiful bed!”

“The Amorous Goldfish” | Item courtesy the Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | See full item here.

Perché così serio? “The Amorous Goldfish” dal musical The Geisha racconta la storia dell’amore non corrisposto di un pesce per il suo proprietario. La canzoncina, anche se spensierata, copre una gamma di emozioni quando il pesce rosso si rende conto che il suo amore ha occhi per un altro. Ascoltala qui:

Amore trovato

La forma più comune di amore che si trova negli spartiti drammatici è un amore beato e romantico. Questi pezzi esagerano i sentimenti euforici associati alla “fase della luna di miele”, a volte fino al punto di essere ridicoli.

Iniziano con sentimenti di incredulità per essere così felici, come si vede nel pezzo “I’m in Love”. “Sto come in un sogno/ Sono innamorato dell’unica ragazza per me/ Sono felice come un uomo può essere”

.

“I’m In Love” | Item courtesy the Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | See full item here.

Possono anche essere piuttosto esigenti, poiché l’amante cerca assicurazioni nella speranza che il sentimento duri.

“I Love You, My Own” | Item courtesy the Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | See full item here.

Ecco il testo: “Won’t you tell me once more/ As you told me before/ For I love you, I love you/ There’s no one above you/ I love you, I love you/ My own.”

L’inevitabile passo successivo è pianificare un futuro insieme.

“To Be Together is the Thing” | Item courtesy the Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | See full item here.

La canzone sostiene che “Stare insieme è la cosa principale/ L’unica cosa sensata e sana/ Non importa dove o come/ Essere gli stessi di adesso/ Come uccellini sull’ala/ Così in estate o in inverno/ E in autunno o in primavera/ Potremmo essere a crogiolarci in un bungalow accanto a un piccolo fiume.”

Un bungalow gioca anche nei piani degli amanti nella canzone “When We’re All Alone in Our Bungalow” dal musical A Regular Girl. Qui un amante sogna una beata vita matrimoniale in una casa tutta sua.

“When We’re All Alone in Our Bungalow” | Item courtesy the Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | See full item here. “Two Little Love Bees” | Articolo per gentile concessione della Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | Vedi articolo completo qui.

Questo può essere paragonato alla visione meno realistica del futuro che viene presentata in “Two Little Love Bees” dall’operetta Spring Maid. In questo pezzo stucchevolmente dolce dove gli amanti parlano dei loro piani per il futuro paragonandosi alle api.

Puoi ascoltarlo qui:

L’amore perduto

Come la presenza dell’amore fa scaturire una serie di emozioni, così anche l’assenza di esso. Le opere leggere e i musical offrono un sacco di ostacoli per i loro interessi amorosi, che ci danno canzoni in cui i personaggi affrontano la perdita dell’amore. Affrontare l’assenza d’amore è un processo che va dalla rottura del cuore, all’andare avanti, e infine al desiderio di un nuovo amore che riempia il vuoto.

“Good Bye, Good Bye, My Sweetheart” | Articolo per gentile concessione della Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | Vedi articolo completo qui.

Non tutti gli amori sono destinati a durare. “Good Bye, Good Bye My Sweetheart” racconta il dolore della separazione quando una relazione cara si riduce ai ricordi. “Goodbye, goodbye my sweetheart/ The dream is past/ My love in dear remembrance/ Oh keep till the last.”

“When You Love a Little Girl” | Articolo per gentile concessione della Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | Vedi articolo completo qui.

“When You Love a Little Girl” dal musical satirico Baroness Fiddlesticks racconta di un uomo che ha riversato il suo cuore (e i suoi risparmi) in una ragazza che non ha ricambiato i suoi sentimenti. Il testo esprime il suo stato di dolore:

Quando ami una ragazzina che non ti ama,
Tutto il mondo è scuro e tetro,
ogni cosa sembra blu,
Il tuo giovane cuore giace calpestato, morente,
Con la tua vita hai finito,
solo perché la ragazza che ami, non ti ama.

“You Can Have Him” | Item courtesy the Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | See full item here.

In confronto, “You Can Have Him” di Irving Berlin dal musical Miss Liberty è cantata da un’amante abbandonata il cui spasimante l’ha lasciata per un’altra donna. Qui lei convince l’altra donna (e cerca di convincere se stessa) di averlo dimenticato. “You can have him/ I don’t want him/ He’s not worth fighting for/ Besides there’s plenty more where he came from.” Armata di un po’ di dispetto, è determinata ad andare avanti, ma mentre la canzone continua, è chiaro che lei ha messo un grande sforzo nella costruzione della relazione che rende difficile riconciliare la perdita. Questa canzone è stata interpretata in modo diverso da diversi artisti. Ella Fitzgerald l’ha cantata con un tempo veloce e vivace, dandole un’aria spensierata, mentre l’interpretazione più lenta di Nina Simone ha fatto emergere lo strazio del testo. Confronta le due versioni qui:

https://youtube.com/watch?v=t2TngvNavC4

“A Corner of My Heart” | Item courtesy the Frances G. Spencer Collection of American Popular Sheet Music, Crouch Fine Arts Library, Baylor University | See full item here.

Una volta che un personaggio ha superato lo strazio, desidera ritrovare l’amore. Questo ci porta alle canzoni di desiderio d’amore. In “A Corner of My Heart” di Phil Schwartz, un aspirante amante esprime il desiderio di trovare qualcuno che riempia quel posto nella sua vita. “Ho un piccolo angolo accogliente che ti aspetta/ Un posto comodo che è costruito per due/ Sii il mio tesoro, vieni e resta lì e ti prometto di giocare pulito/ Se ti sposti in un angolo del mio cuore.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *